Le 4 migliori app per fare videochiamate di gruppo

0
341
app-videochiamata-di-gruppo

In questo periodo di obbligo a restare in casa a causa del Coronavirus stanno spopolando le app per fare videochiamate di gruppo. Si tratta di un nuovo modo di comunicare e restare vicino alle persone a noi care in questo periodo difficile. Andiamo a vedere nel dettaglio le 4 migliori app per fare videochiamate di gruppo.

Whatsapp

E’ l’app di messaggistica per eccellenza ed è anche quella più utilizzata in questi giorni per fare videochiamate di gruppo. Permette di collegare alla stessa chat fino a 4 persone contemporaneamente. Non molti, ma abbastanza per sentire le persone più care. Nella versione web non è prevista questa funzionalità.

Skype             

Ancor prima che le altre applicazione esistessero Skype già permetteva di fare videochiamate di gruppo. Supporta fino a 50 persone anche se ne fa vedere 4 contemporaneamente. All’aumentare del numero dei connessi la qualità soffre un po’ ma indubbiamente è un software potente e soprattutto disponibile per tutte le piattaforme. Disponibile sia in versione desktop che mobile

Houseparty

Molto in voga tra i giovani. Permette di fare videochiamate con i propri amici fino ad un massimo di 8 persone, tutte collegate nella stessa schermata. Sono disponibili dei minigiochi e le videochiamate sono pubbliche (fra i vostri amici). Necessita di registrazione ed è usufruibile sia da mobile tramite app che da desktop.

Zoom

App molto usata nel campo business dato che è considerata una valida concorrente a Skype. La differenza sostanziale è che si possono collegare fino a 100 persone contemporaneamente anche nella stessa schermata, senza mostrare solo 4 alla volte come fa Skype. Con Zoom è possibile creare un link da inviare a chi non ha il programma per collegarsi dal web. Si tratta di un applicazione a pagamento. La versione gratuita permette singole chiamate dalla durata massima di 40 minuti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui